Restauro un Mac Mini con meno di 40 euro, si può!



by   |  LETTURE 98

Restauro un Mac Mini con meno di 40 euro, si può!

In questi giorni si sente parlare solo di Mac Mini M1 e di quanto siano performanti questi piccoli e potenti miniPC di casa Apple, ma siamo proprio sicuri che i Mac Mini di qualche anno fa non siano comunque adatti alle nostre esigenze?

Sebbene io sia un amante della tecnologia e un fan accanito delle ultime novità, mi rendo spesso conto delle potenzialità di alcuni dispositivi in mio possesso e magari dimenticati in una libreria che ,con le dovute modifiche, possono ancora dare enormi soddisfazioni.

Quindi stufo di vedere da 2 anni quel Mac Mini del 2011 abbandonato sulla libreria decido di farmi coraggio e di ridargli nuova vita e procedere, restauro un Mac Mini con meno di 40 euro.

Mac Mini 2011, caratteristiche tecniche

Queste sono le caratteristiche tecniche del Mac Mini del 2011 che troviamo sul sito ufficiale Apple

  • Altezza: 3,6 cm
  • Larghezza: 19,7 cm
  • Profondità: 19,7 cm
  • Peso: 1,22 kg1
Processore
Intel Core i5 dual-core a 2,5GHz con 3MB di cache L3 su chip condivisa Memoria
4GB di memoria DDR3 a 1333MHz Archiviazione Disco rigido da 500GB (5400 giri/min)2 Scheda Grafica Processore grafico AMD Radeon HD 6630M con 256MB di memoria GDDR5 Wi-Fi
Connessione in rete Wi-Fi 802.11n;4 compatibile con IEEE 802.11a/b/g Bluetooth
Tecnologia wireless Bluetooth 4.0 Ethernet
Ethernet 10/100/1000BASE-T (connettore RJ-45) Una delle cose belle di questo Mac Mini è che sul retro troviamo un discreto numero di porte, anche se la mancanza della porta USB Type-C si fa sentire Un Mac Mini con queste caratteristiche nel 2021 non potrà certo esservi utile per montare video o giocare agli ultimi titoli in commercio, però con le dovute modifiche e spendendo meno di 40 euro può raggiungere un livello di prestazioni tale da renderlo un Mac Mini in grado di supportarvi ancora per alcuni anni con programmi Office e di produttività, senza rinunciare praticamente a nulla...o quasi.

Primo passo, acquistare un SSD

Ormai lo sappiamo tutti, il primo passo per dare uno sprint ai vecchi PC è sostituire l'HD meccanico. Questo Mac Mini del 2011, come abbiamo visto nelle caratteristiche era dotato di un HD da 500gb leeeeeeento e macchinoso, Il tempo di accensione e di apertura delle applicazioni non era accettabile nell'era moderna.

Mi sono quindi rivolto ad Amazon per cercare e trovare un disco SSD economico ma al tempo stesso affidabile con cui andare a sostituire il vecchio HDD, un Kingston da 240Gb

Secondo passo, scaricare ed installare sul nuovo SDD MacOS

Il passo successivo, dopo aver acquistato il nuovo SSD è quello di andare ad effettuare una installazione pulita dell'ultimo sistema operativo MacOS compatibile con in nostro Mac Mini.

Anche in questo caso ci viene in aiuto Apple che sul suo sito ufficiale riporta a chiare lettere che l'ultimo MacOS compatibile con il Mac Mini del 2011 è MacOS High Sierra 10.13.6 Dotiamoci quindi di pazienza e andiamo ad acquistare un case esterno per poter lavorare sul nostro SSD, io ho acquistato questo di Aukey, è il piu' economico e vi assicuro che funziona benissimo e in ogni caso vi tornerà utile anche dopo

Case esterno per HD Aukey - La recensione di Best-Tech.it
Amazon.it: EUR 8.09
Compra ora su Amazon.it  
Disponibile
Ottieni il miglior prezzo ed una spedizione veloce e sicura!
Ora possiamo collegare il nostro SSD di Kingston e procedere all'installazione pulita di MacOS High Sierra.

Per farlo ci basterà collegarci al sito di Apple e scaricare la versione di MacOS che ci serve. Fatto questo non ci resta che andarla ad installare direttamente nel nostro SSD.

Terzo passo, sostituire HD con SSD

Terminata l'installazione pulita del nostro sistema operativo non ci resta che munirci di cacciavite e procedere con l'apertura del nostro Mac Mini.

Personalmente ho seguito passo passo la linee guida per installazione del disco SSD che ho trovato sul sito di FIXIT , va la consiglio vivamente, troverete nei dettagli tutto quello che doveta andare a fare. Il primo passo quindi è andare a smontare il vecchio HD seguendo la guida e dotandosi di appositi cacciaviti per viti torx, se non ne avete uno vi consiglio queso di Xiaomi, ma ne troverete comunque di piu' economici

Le operazioni che dovete andare ad eseguire sono semplici ma richiedono molta attenzione, specie in fase di scollegamento dei minuscoli connettori che incontrerete sulla vostra strada.

Quarto passo, sostituire la RAM

Un'altro upgrade che sono andato a fare è stato quello di sostituire e ampliare la RAM. Il Mac Mini del 2011 in mio possesso aveva 4 GB, pochini, sono andato quindi a togliere un banco da 2 GB sostituiendolo con uno da 8 GB che avevo da parte e che potrete trovare anche su Amazon senza molta difficoltà anche a meno di 40 euro.

Il risultato ottenuto è stato di avere un MAc Mini con 10 Gb di RAM, niente male!! Ovviamente io l'ho fatto perchè avevo un banco RAM da parte, nel vostro caso potete tranquillamente evitare e contenere i costi.

Conclusioni

Una volta richiuso tutto il mio "nuovo" MacMini si è acceso...cosa non scontata!! Le performance sono chiaramente molto migliorate, e attualmente lo stò usando proprio per scrivere questo articolo.

Il vecchio HDD lo utilizzo come supporto esterno andando a sfruttare il case da 10 euro di Aukey, e quindi riepilogando la spesa totale nel mio caso è stata: SSD Kingston 240 Gb -> 27 euro RAM banco 8 Gb -> 0 euro Case HD esterno Aukey -> 8 euro Totale spesa -> 35 euro (non male direi 😉 ) Ho potuto collegare tutte le mie periferiche, tastiera Keykron K2 e mouse Logitech Anyware 2S entrambi bluetooth, ma non la mia Logitech StreamCam che ahimè non risulta compatibile con MacOS High Sierra.

Sarebbe possibile forzare una installazione di MacOS Catalina piu' recente tramite delle Patch, vi linko il sito dove trovarle , ma non me la sono sentita visto il rischio di incompatibilità, e poi ho in mente un ulteriore test....installo LINUX!! Ma questa è una altra storia, anzi un'altro articolo. Alla prossima.